Geometria veicolo

 

 

Quando bisogna controllare l’assetto geometrico delle ruote?

 Se quando si percorre una strada pianeggiante, si nota che l’auto tira a sinistra o a destra, non appena si tolgono per qualche secondo le mani dal volante, è necessario portare il veicolo presso un rivenditore specialista o un’officina meccanica, per far verificare l’assetto geometrico delle ruote, detto anche geometria delle ruote, e nel caso sia necessario e se possibile, regolare gli organi della sospensione anteriore e posteriore. Infatti, se l’auto non è regolata ai corretti valori di geometria, gli pneumatici possono usurarsi in modo anormale.

È necessario far controllare la geometria delle ruote quando:
• si è urtato qualcosa;
• si nota un’usura anomala o irregolare degli pneumatici;
• si riscontrano problemi di sterzata o di comportamento:
• il veicolo tira da una parte;
• il volante non torna facilmente alla posizione iniziale dopo una curva;
• percorrendo una strada dritta il volante rimane inclinato;
• si acquista un nuovo treno di pneumatici, e si vuole che durino il più possibile;
• si sostituiscono componenti delle sospensioni o dello sterzo.

Perché l’assetto geometrico delle ruote è così importante?

L’assetto geometrico delle ruote può influire sulla durata chilometrica e sulla forma d’usura dello pneumatico. Nella maggior parte dei veicoli è concepito per ridurre al minimo l’usura e ottimizzare il comfort di conducente e passeggeri. Una geometria corretta su tutte e quattro le ruote consente di aumentare  la durata e ottimizzare le prestazioni degli pneumatici, nonché di diminuire il consumo di carburante.  Inoltre, migliora il comportamento del veicolo, la precisione di guida, la stabilità di marcia e quindi in generale, migliora la sicurezza.
 

Geometria o equilibratura delle ruote?

La geometria delle ruote è talvolta confusa con l’equilibratura. Sono invece due operazioni molto diverse. La geometria consiste nella regolazione dell’angolazione delle ruote, in modo che, in marcia, esse siano con i valori stabiliti dal costruttore del veicolo. L’equilibratura, invece, consiste nell’aggiunta di alcune piccole masse, per consentire alle ruote di ruotare senza causare vibrazioni al veicolo a determinate velocità.

 

Perché la geometria delle ruote può sregolarsi?

Una sregolazione della geometria, abbastanza infrequente, può verificarsi se si urta un marciapiede o se s’impatta una buca ad alta velocità, oppure in circostanze ben più gravi, quali ad esempio un incidente. Se la geometria delle ruote non è corretta, il battistrada degli pneumatici si usura più rapidamente e/o in modo irregolare, con possibili conseguenze negative sul comportamento del veicolo. Questo significa che  molto probabilmente sarà necessario sostituire gli pneumatici prima del previsto.

 

Anche una piccola sregolazione può creare inconvenienti

La geometria delle ruote ha lo scopo di assicurare una tenuta di strada ottimale e di far durare gli pneumatici il più a lungo possibile.

I motivi principali per mantenere una corretta geometria delle ruote sono:
- Risparmio di denaro.
- Massima durata degli pneumatici
- Più facilità di guida, minore resistenza al rotolamento e consumi. 

 

Come viene regolata la geometria delle ruote?

La geometria delle ruote viene regolata in modo tale che esse abbiano il parallelismo e l’inclinazione ottimale. Le tre regolazioni principali della geometria delle ruote sono il parallelismo, la campanatura, e l’incidenza.

 

Parallelismo

Per parallelismo si intende la differenza tra la distanza delle estremità anteriori e quella delle estremità posteriori degli pneumatici dello stesso asse. Il valore di parallelismo influisce anche sul comportamento del veicolo in curva, si parla di:

• Convergenza: quando le estremità anteriori sono più vicine di quelle posteriori. La convergenza provoca sottosterzo in curva. Se la convergenza degli pneumatici è eccessiva, il battistrada inizierà a usurarsi dal lato esterno.

• Divergenza: le estremità posteriori degli pneumatici sono più vicine di quelle anteriori. La divergenza provoca sovrasterzo in curva. Se gli pneumatici sono divergenti, si usurerà per primo il lato interno.

• Questo tipo di usura, crescente da un bordo all’altro del battistrada, con presenza di creste sugli spigoli longitudinali dei tasselli, è facilmente riconoscibile passando la mano sul battistrada dello pneumatico.

 

Campanatura

La campanatura, detta anche inclinazione ruota, è l'angolazione della ruota vista dalla parte anteriore del veicolo. Un’eccessiva inclinazione della ruota comporterà un’usura irregolare.

• Campanatura positiva: la parte superiore della ruota è inclinata verso l'esterno dell'auto. Una campanatura troppo positiva determina un’usura liscia, della parte esterna del battistrada degli pneumatici.
• Campanatura negativa: la parte superiore della ruota è inclinata verso l’interno dell’auto. Una campanatura troppo negativa causerà un usura liscia della parte interna del battistrada degli pneumatici.

L’angolo di campanatura è definito ed ottimizzato per ogni veicolo, per consentire agli pneumatici di massimizzare la superficie di contatto con la strada, specialmente in curva. Se le due ruote anteriori hanno una differenza eccessiva di campanatura, il veicolo, in fase marcia, può tendere a “tirare”in modo sensibile da una parte.